L’attività di pascolo in aiuto alla biodiversità

Prima dell’attività di pascolo

Nel corso degli ultimi anni, la rapida diffusione delle specie esotiche invasive, come la Reynoutria japonica o Fallopia japonica (nota come “poligono del Giappone”), il Sycios angulatus (noto come “zucca spinosa” o “zucca matta”) e l’Amorpha fruticosa (nota come “falso indaco” o “indaco bastardo”), sta compromettendo definitivamente alcuni ambienti peculiari delle aree golenali dei grandi fiumi di pianura, sostituendosi quasi totalmente alla vegetazione autoctona presente.

Durante l’attività di pascolo

Le specie esotiche invasive sono considerate una delle principali minacce per la conservazione della biodiversità e dell’integrità degli ecosistemi.
Al fine di contrastare l’avanzamento di tali specie esotiche, l’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino ha messo in atto interventi di contenimento sperimentali nelle aree naturali, quali attività di sfalcio e di pascolo, avvalendosi  della preziosa collaborazione dell’allevatore Mario Melis, titolare dell’Azienda Agricola M.T.L.
Grazie alla passione per la pastorizia ereditata dal padre e al forte legame che lo lega alle nostre zone fluviali in cui è cresciuto, Mario Melis conduce  con dedizione i suoi bovini e ovini nelle aree naturali invase dalle specie esotiche, al fine di contrastarne la ricrescita, seguendo le indicazioni fornite dall’Ente-Parco.

L’area dopo l’attività di pascolo

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca