Piante protette

La flora e i frutti del bosco

Il legislatore regionale, nella Legge Regionale n. 32 del 2 novembre 1982 che detta norme per la conservazione del patrimonio naturale del Piemonte, ha individuato due categorie di piante ai fini della raccolta da parte di privati:

FLORA PROTETTA , per cui NON SONO CONSENTITI la raccolta, il danneggiamento, la detenzione o il commercio, che sono quindi puniti con una sanzione amministrativa (per consultare l’elenco completo delle specie protette vedi L.R. 32/82).

FLORA NON PROTETTA , per cui E’ CONSENTITA LA RACCOLTA DI MASSIMO 5 ESEMPLARI AL GIORNO PER PERSONA, PER OGNI SPECIE. La raccolta deve comunque avvenire senza l’estirpazione delle radici, ma solo delle parti aeree (fusto e fiori). I trasgressori, cioè coloro che superano le quantità consentite o raccolgono esemplari con la radice, sono puniti con una sanzione amministrativa.

Inoltre, nelle Riserve Naturali, e più precisamente nei territori i cui confini sono evidenziati con le tabelle verdi, non si possono distruggere nè danneggiare vegetali di qualsiasi tipo (flora protetta e non protetta) a meno che non si debbano svolgere lavori agricoli o forestali.

Chiunque rinvenisse esemplari di specie della flora protetta nel territorio del Parco è pregato di fotografarli, rilevarne la posizione e segnalare quindi il ritrovamento all’Ente Parco presso la sede di Casale al numero tel. 0142-457861.

Per altre informazioni sulla flora del nostro territorio si può visitare il sito www.parcocrea.it/db-biomonf/

Per quanto riguarda gli esemplari della FLORA PROTETTA , all’interno delle Aree Protette gestite dall’Ente Parco sono già state individuate alcune specie di cui è vietata la raccolta, il commercio, la detenzione. Ne diamo qualche esempio, con nome in latino e italiano, il tipo di ambiente in cui cresce la pianta e relativa foto.

Nella stessa Legge Regionale è regolamentata la raccolta dei FRUTTI DEL SOTTOBOSCO . Essa deve avvenire manualmente e senza l’ausilio di uncini, rastrelli o altre attrezzature. Chi supera il peso massimo o utilizza strumenti per la raccolta subisce una sanzione amministrativa.

Qui di seguito sono specificate le quantità massime che una persona può raccogliere in un giorno per ogni tipo di frutto:

Fragole Selvatiche
5 etti
Muschio
3 etti
Bacche di Ginepro
2 etti
Mirtilli
1 chilo
Lamponi
1 chilo