Esporta come KML per Google Earth/Google MapsApri mappa autonoma in modalità schermo interoCreare immagine del codice QR per mappa autonoma in modalità schermo interoEsporta come GeoJSONEsporta come GeoRSS
Confini delle Aree Protette

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

| | km | | /km | +m -m (netto: m) | scaricare file GPX scaricare file GPX
Confini delle Aree Protette: 44.993940, 8.485565

Con legge regionale n.28 del 17 aprile 1990 fu istituito il Sistema delle Aree Protette della Fascia Fluviale del Po, suddiviso in 3 tratti che fanno riferimento a 3 diversi Enti di gestione. Il tratto da Crescentino (VC) alla confluenza con il Sesia fu assegnato all’Ente di Gestione delle Aree Protette della Fascia fluviale del Po – tratto vercellese/alessandrino e del torrente Orba.

Lungo le sponde del Po, il Parco si estende per 90 chilometri circa in un susseguirsi di ambienti diversi collegati dal corso d’acqua. Attualmente l’area sottoposta a tutela diretta da parte dell’Ente-Parco comprende altre Riserve Naturali e risulta così composta:

L’Ente-Parco, ha il compito di conseguire le seguenti finalità, previste dall’art. 4 della L.R. n.28/1990:

  1. tutelare e conservare le caratteristiche naturali, ambientali, paesaggistiche e storiche dell’area fluviale anche mediante interventi di ricostruzione di ambiti naturali;
  2. difendere il patrimonio naturale costituito dalle acque del Po al fine di migliorarne le condizioni idrobiologiche e di proteggerle da fattori inquinanti;
  3. consentire il regolare svolgimento e promuovere lo sviluppo dell’attività agricola;
  4. organizzare sul territorio la ricerca scientifica e le attività didattiche, culturali e ricreative;
  5. tutelare le specie faunistiche e floristiche presenti sul territorio, con particolare riferimento alle Aree istituite a Riserva Naturale;
  6. consentire attraverso idonei strumenti di pianificazione territoriale, l’organizzazione del territorio delle Zone di Salvaguardia rendendola coerente con le finalità di cui ai precedenti punti e graduando le forme di tutela urbanistica;
  7. concorrere alla realizzazione dei piani e progetti di tutela ambientale predisposti ai sensi della Legge 18/05/1989, n. 183.